“Il punto G dei libri”. Franz Krauspenhaar. (Domani a Roma)

fk Uno scrittore parla di uno scrittore che gli somiglia. Molte manie li rendono diversamente gemelli. Hai scritto non di te, ma di lui. Che ti somiglia molto, ma è un altro. Usi l’io narrante ma non è te stesso che racconti, parli di un altro te stesso, una variante, un modello maggiormente avariato. Il tuo te cambiato si chiama Franco, fa la vita che fai tu, vive nello stesso appartamento, dice più o meno le stesse cose e ha provato l’esperienza violenta dell’infarto, ma la sua vita è farcita di sapori diversi in certi punti. Hai creato delle alternative che nelle prime pagine ti fanno stare tranquillo. Franco rispetto a Franz è migliorato. Ha qualche segno positivo in più: ha i soldi, quella materia che potrebbe avvicinarlo alla felicità. Ma loro, Franco e Franz, sono uguali nel non approfittare dei colpi di vantaggio. Ogni aiuto diventa un morso alla loro passione, le auto sportive vintage.
Il salto non più soltanto ideale nel passato che non si è vissuto, come se esso fosse la creazione di un mondo del tutto immaginario. Da un certo punto, avanti nella storia, i due gemelli si separano: di fronte al dolore vedono cose diverse. Franz da a Franco dei poteri incomprensibili, di cui non si riesce a capire l’origine e la sostanza. Di cosa soffre Franco? Nel mezzo, l’umorismo, l’ironia e il sarcasmo che aiutano a resistere. Ecco, Franco e Franz sono due resistenti, e a un certo punto il loro resistere somiglia al nostro.
Franz Krauspenhaar (1960, Milano) scrittore, poeta e compositore, ha pubblicato quasi 20 libri tra narrativa e poesia. Ricordiamo i romanzi Le cose come stanno (Baldini & Castoldi, 2003), Era mio padre (Fazi, 2008), Le monetine del Raphael (Gaffi, 2011). In poesia, i libri Effekappa (Zona, 2010), Biscotti selvaggi (Marco Saya, 2012) e il poema Le belle stagioni (Marco Saya, 2014). L’unico saggio è Un viaggio con Francis Bacon (Zona Novevolt, 2010). È stato redattore di “Nazione Indiana” e attualmente è redattore della rivista letteraria “Achab” coordinata da Sara Calderoni e diretta da Nando Vitali.
Domani 15 giugno
ore 18,00 presso Libreria Koob
in via Luigi Poletti, 2
Andrea Caterini e Luca Ricci
presentano l’ultimo suo romanzo
partecipa l’autore
Annunci